Filosofia e Noir

Dopo Dostoevskij e Tolstoj, il noir rappresenta l’unica grande letteratura morale della nostra epoca.
Jean-Patrick Manchette

  • L'intransigenza

    Il primo dei "Gialli del Dio perverso"

  • La verità cammina con noi

    Introduzione al pensiero di Maurice Bellet

  • Le cose si toccano

    Raimon Panikkar e le scienze moderne

  • Paolo Calabrò

    Dovrei smetterla di voler parlare tante lingue. (R.Panikkar)

    Ultimi post pubblicati

    venerdì 13 maggio 2016

    Diana Lama e Paolo Calabrò (a cura di), C'è un sole che si muore, ed. Il Prato, 2016


    In uscita a giugno 2016 C'è un sole che si muore, a cura di Diana Lama e Paolo Calabrò, antologia di racconti gialli e neri ambientati d'estate a napoli e dintorni. Tra gli autori, oltre ai curatori, Diego Lama, vincitore del Premio Alberto Tedeschi-Giallo Mondadori 2015, con il suo "La casa triste", Sibyl von der Schulenburg, Premi Luzi e Pannunzio 2015, con "Alma mater", Francesco Costa, autore cinematografico oltre che letterario, con il suo "L'angelo sdentato". Undici racconti inediti che parlano di napoli, ma anche di Caserta, di Salerno, del Cilento, del Vesuvio. Con l'imprimatur, fin dalla copertina, dell'associazione di scrittori NapoliNoir.

    Frontespizio

    Indice

    Presentazione

    Diana Lama, Sotto l'ombrellone

    Paolo Calabrò, In vino veritas

    Luciana Scepi, Una bionda d'estate

    Ugo Mazzotta, Un occhio della testa

    Sibyl von der Schulenburg, Alma mater

    Francesco Costa, L'angelo sdentato

    Vittorio Del Tufo, L'enigma dei cinque pozzi

    Piera Carlomagno, Il messaggio

    Alessandra Pepino, L'assoluzione

    Riccardo Fabrizi, È tutto grasso che cola

    Diego Lama, La casa triste